rubriche: Know your idols

Venezia 72: il primo red carpet

II vip e il tappeto rosso inaugurale di Venezia 72

Uno dei momenti più attesi di tutti i festival di cinema è il red carpet, luogo che porta con se’ (e riesuma) star, vip nostrani e qualche fenomeno da baraccone ormai presenza fissa in ogni kermesse cinematografica.
Inizia intorno alle 18 con i primi invitati, seguendo un po’ l’ordine di importanza. La prima ad arrivare è la madrina della mostra Elisa Sednaoui modella italo egiziana, splendida e luccicante in Giorgio Armani Privé, stilista scelto anche da Alessandro Preziosi e Saverio Costanzo. Le donne tutte bellissime: dalla giuria con Diane Kruger in Prada, Paz Vega, Elizabeth Banks, passando per “l’angelo” Alessandra Ambrosio in Philosophy di Lorenzo Serafini fino a Kasia Smutniak, sempre stupenda accompagnata da Domenico Procacci ma con un abito che non le rendeva propriamente giustizia (Valentino ndr). Immancabili presenze Giulio Base e Tiziana Rocca, Marta Marzotto, Franca Sozzani, la coppia Santanchè-Sallusti, Malika Ayane, l’eterna Marina Ripa di Meana con il suo consueto eccentrico outfit (cappellino blu che le fasciava il viso).

elisa_sednaoui

La madrina Elisa Sednaoui

Ma il vero protagonista è stato Jake Gyllenhaal, elegantissimo in Ferragamo, idolatrato da tanti ragazzi che già facevano la fila dalle prime ore del pomeriggio per accaparrarsi i posti migliori. Lui e Josh Brolin, l’altro protagonista di Everest, hanno firmato autografi e scattato i consueti selfie con i fan prima dell’inizio della cerimonia in Sala Grande.

Jake Gyllenhaal

Jake Gyllenhaal al Lido

Il primo red carpet è andato e già si pensa a quello di stasera, ore 19.15, con i protagonisti di Spotlight – decimati perché saranno presenti solo Stanley Tucci e Mark Ruffalo. Il film ispirato al Watergate cattolico del 2002 racconta la storia di un gruppo di giornalisti che denuncia una lunga serie di abusi da parte di cinque preti su decine di minori a Boston.
Il circo del cinema continua e siamo già curiosi di osservare i nostri vip all’opera.

Luisa Lenzi