rubriche: EPistole

Takasi Nakajima – Basic Math EP (Indigo Aera, 2015)

“Basic Math” di Takasi Nakajima è un EP che esplora la molteplici occasioni che una parte dell’elettronica ha perso.

Takasi Nakajima - Carnage NewsTechno made in Japan dal nostro Takasi Nakajima che pubblica un EP dicotomico su Indigo Aera dal titolo Basic Math EP. Dicotomico perché sembra sposare in un sol colpo gli elementi tra loro apparentemente opposti (techno e ambient, melodico e strutturale, alieno e umano). L’unione degli opposti è materia di esperti, di coloro che ormai conoscono le dinamiche degli elementi duali, dialettici in questo senso. Un EP di cinque tracce più una sesta che è il remix da parte di Jasper Wolff & Maarten Mittendorff, i fondatori dell’etichetta. Attivo dal 1994 non ha mai abbandonato la sua cyber techno piena di tessiture e melodie che, con rara finezza, si installano sì nel campo della techno, ma anche in electro, ambient, downtempo. Si prenda la prima traccia Basicmath One, una traccia che, come tipo di sviluppo, ricorda gli esperimenti di Mark Fell ma che, col suo suono più volatile, oscilla tra dub e ambient con solamente il pallido ricordo dell’acid. Contreddetta subito dalla cacofonica tech-house Basicmath Two, in un continuo slittamento di tonalità nell’arpeggiatore. Il nocciolo techno si afferma in Basicmath Three che ricorda certa elettronica prodotta dai creatori di videogiochi, in particolare dal team della NAMCO per R4 in cui si ritrovano occhiate di acid, sfumature di breakbeat e il cui podio è ampiamente conquistato dal synth. Il remix del primo brano, ad opera di cui sopra, trasla proprio verso la direzione techno che si evolve in un quasi-garage-house. Basicmath Four, diadema dell’EP, mescola techno, la dubstep, l’elettronica (quella forma varia che possono assumere artisti come James Holden o Lone) abbozzata, schematica, eppure capace di espressione, a volte fluida, a volte aerea, con un’impronta nostalgica nella sua sequenza di pattern interrotti, verso l’epilogo del brano. La conclusione di Solar System è un gioco di incastri tra Mark Fell, Four Tet, Martyn, Cosmin TRG coinvolgente e che sfuma docilmente verso il silenzio.

Basic Math di Takasi Nakajima è un EP che esplora la molteplici occasioni che una parte dell’elettronica ha perso. Un piccolo grande esperimento che ha cercato i limiti dei generi e li ha accuratamente traforati. 

Riccardo Gorone