rubriche: Nerdvana

Oh che vita sopraffina quando c’è in giro qualche bianca mutandina!

Ditelo miei cari affezionatissimi, è o non è il miglior titolo che si possa mettere ad un articolo di qualsiasi genere? Che si parli di politica, di economia, di cultura, di quanto caspiterina faccia caldo o freddo in estate o in inverno (grazie Studio Aperto), in qualsiasi caso  “Oh che vita sopraffina quando c’è in… Read more »

Ditelo miei cari affezionatissimi, è o non è il miglior titolo che si possa mettere ad un articolo di qualsiasi genere? Che si parli di politica, di economia, di cultura, di quanto caspiterina faccia caldo o freddo in estate o in inverno (grazie Studio Aperto), in qualsiasi caso  “Oh che vita sopraffina quando c’è in giro qualche bianca mutandina!” apre le porte ad un mondo fantastico e pieno di fantasia. 

Ma qui non stiamo parlando di argomenti seri o intellettualmente elevati come i libri dell’Illustrissimo Fabio Volo, stiamo parlando di “Dash Kappei” o per noi meglio conosciuto come “Gigi la Trottola”.

 Nato dalla mente di Noboru Rokuda, la prima edizione del manga esce in Giappone nel 1980, di seguito nel 1981 viene creato l’anime (per i profani il cartone animato) trasmesso dalla Fuji Tv. Per le reti italiane lo sbarco avviene nel 1983.

Ora bando alle ciance, e andiamo a descrivere a voi piccoli neofiti del mondo delle “mutandine bianche” di cosa parla Gigi la trottola. Gigi Sullivan (Kappei Sakamoto) frequenta il liceo Seirin di Tokyo, nonostante l’espressione da perfetto imbecille e la bassa statura, questo personaggio è geniale e tiene testa a chiunque incontri sulla sua strada. Riesce bene in qualunque sport, e inizialmente lo vediamo cimentarsi nel basket, in cui può sfoggiare le migliori (e assurde) acrobazie per far canestro. Decide di entrare a far parte della squadra di pallacanestro della scuola dopo aver visto Gloria(Kaori Natsu), la bella allenatrice vittima di continue “alzate di gonna”. Successivamente al team si unirà anche la dolce Anna (Akane Aki) come aiuto allenatrice: lei è l’unico vero amore di Gigi (dopo le mutandine chiaramente, che rappresentano per lui una grande risorsa di energia), e per accrescere la genialità di questo cartone dovete sapere che il cane della ragazza, Salomone (Seichiiro), sogna di sposarsi con lei e si mette in accesa competizione con Gigi per mettergli i bastoni tra le ruota in ogni occasione (Gigi è l’unico personaggio in grado di parlare con il cane).

Consiglierei la visione di questo anime, solo ed esclusivamente per le tecniche sempre nuove e finissime usate da Gigi per guardare sotto le gonne delle ragazze. Credetemi io ho imparato tanto da lui nell’arte della seduzione e della conquista.

 

Ora mi rivolgo a tutte le donne  che stanno leggendo questo mio piccolo articolo e quasi sicuramente si troveranno offese e inorridite dall’uso improprio delle vostre mutandine. Non fatevi trarre in inganno, Gigi la trottola è molto più di quello che è stato scritto, molto più di quello che avete immaginato, molto più dei libri di Fabio Volo. Credetemi, ne rimarrete colpite nel profondo del vostro cuore.

Credo di essere giunto alla fine, spero come sempre di avervi rubato qualche sorriso e spinto alla visione di questo splendido capolavoro. All’urlo di “Oh che vita sopraffina quando c’è in giro qualche bianca mutandina!” vi saluto e vi do appuntamento a settimana prossima con nuove e mirabolanti avventure.

  • Polins

    noto un certo astio nei confronti di Fabio Volo o sbaglio??

  • ilComico

    è un parto della tua immaginazione!

  • Il Fap

    Fabio Volo rappresenta ciò che tutti noi vorremmo essere in realtà.