Serie Tv & Nuovi Media

Il finale di “Fringe”: noi abbiamo capito tutto. Più o meno.

Dopo il grande successo di Speciale Twilight: dopo questo nemmeno la crisi economica ci fa più paura,  IlComico e Jersey tornano per un altro evento degno delle loro quattro mani: il gran finale di Fringe. Ed è proprio grande, visto che è andato così bene da non permetterci neanche di lamentarci come dei veri nerd… Read more »

Dopo il grande successo di Speciale Twilight: dopo questo nemmeno la crisi economica ci fa più paura,  IlComico e Jersey tornano per un altro evento degno delle loro quattro mani: il gran finale di Fringe. Ed è proprio grande, visto che è andato così bene da non permetterci neanche di lamentarci come dei veri nerd rompicoglioni. Insomma, non è che ci torni proprio tutto – abbiamo una certa età e il carico cognitivo di troppe serie tv si fa sempre più pesante – però sicuramente ha riscattato una quarta stagione decisamente “difficile”.

fringe 5Ricapitoliamo. Fringe, creata da un J.J. Abrams post-Lost con i colleghi fantascientifici Alex Kurtzman e Roberto Orci, inizia come una sorta di procedural sy-fy, in cui in ogni episodio viene risolto un caso sovrannaturale. Nella seconda stagione viene introdotta una nuova linea narrativa, per la gioia di tutti noi: la scoperta dell'alternate world, il mondo parallelo. Un mondo dove le torri gemelle ci sono ancora, la statua della libertà è color bronzo, nei cieli non scorrazzano aerei ma dirigibili e ci sono gli stessi personaggi dell'altro, però con capelli e caratteri diversi. Nella terza stagione, gli universi si scambiano Olivia, la protagonista.
Visto che cercando di scrivere questo riassunto ci siamo resi conto che non ci abbiamo capito un cazzo, vi diciamo solo che da lì è il degenero spazio-temporale. E questo ci riporta alla stagione finale.

SPOILER ALERT!

fringe 4Siamo in un mondo distopico, completamente controllato dagli osservatori. Ma…sorpresa! Si scopre che gli osservatori non sono altro che l'evoluzione della razza umana nel futuro. Tutto inizia nel 2167, a Stoccolma. Una scienziata scopre che, sacrificando l'emozione della rabbia, è possibile incrementare le funzioni celebrali dell'essere umano. Per ogni emozione sacrificata, il cervello si attivava esponenzialmente, fino a eliminarle tutte e vivere solo di logica. Questo, oltre a far perdere i capelli, fa anche diventare tutti dei cazzoni inespressivi col cappello. Senza emozioni non c'è amore e come dice Venditti «niente sesso e niente amore», quindi la razza umana non si procrea più grazie alla samba orizzontale ma solo in provetta. Da qui nasce il ragazzino-osservatore, con gli stessi poteri dei suoi colleghi più grandi, ma con un'empatia ipersviluppata e in grado di provare emozioni. Quindi, per farla breve, l'eroe dei due mondi Walter Bishop prende il mini-osservatore empatico e se lo porta a Stoccolma nel 2167, per fermare l'invasione degli ultra cervelli. Così facendo, permette anche a Olivia e Peter di tornare nel passato e salvare la figlia. In sostanza, trionfa l'ammòre.

fringe7Grandi emozioni: prima di tutto, Nina Sharp, capo supremo della potente Massive Dynamic, si spara un colpo in testa da vera eroina per evitare che gli osservatori le leggano nel pensiero, salvando così i nostri amatissimi protagonisti.
Olivia, traboccante di Cortexiphan, scatena tutti i suoi superpoteri per sconfiggere il capitano Windmark, lanciandogli praticamente addosso un camion.
L'abbraccio padre-figlio tra Peter e Walt, con reciproca dichiarazione d'amore: lacrimoni!
L'uso, contro gli osservatori, di tutte le strane sostanze trovate nei precedenti casi Fringe. Menzione d'onore alle pallottole galleggianti di Walt. Citando le sue parole, non le usiamo perché sono utili, ma perché sono cool.
Il ritrovamento nell'ambra della nostra beniamina a macchie, la mucca Gene.
E infine, dulcis in fundo, lui: Walter Bishop. Nato come scienziato pazzo che si imbottisce di LSD e twizzlers alla fragola, chiude la serie come un cazzutissimo eroe che salva il figlio, la famiglia del figlio e tutti gli universi. Respect!

Comunque, diciamocelo: la cosa più bella di Fringe è che, adesso che è finita, è certamente più apprezzabile. Se non altro perché, anche se rimangono dei puntifringe oscuri, possiamo far finta che ci torni tutto. Per esempio, possiamo fingere di aver notato sin dall'inizio che in ogni puntata della prima stagione compare un osservatore. Possiamo fingere di aver decifrato tutti i glifi – e soprattutto di aver sempre saputo della loro esistenza. Possiamo fingere di aver capito tutti i collegamenti fra episodi, stagioni, linee narrative: dal perché alla fine Peter riceve la lettera con il tulipano bianco (a quanto pare riconducibile alla storia di Peck, nella seconda stagione) a dove è finito William Bell dopo che il passato è cambiato. 

Quindi, visto e considerato che noi abbiamo capito tutto, lasciamo a voi le domande marzulliane: avendo cambiato il passato, Nina Sharp è rimasta morta?
Walter Bishop, sempre in virtù del fatto che ha salvato il passato, perché non è nella scena finale con Olivia ,Peter ed Etta? 
Ma soprattuto: che fine ha fatto Gene la mucca?

Paola Brembilla e Carlo Marchetti

fringe 8

fringe 9fringe6

  • Pingback: Il finale di “30 Rock”: Good God, Lemon. It’s Over. | CarnageNews()

  • Walter Bishop va nell’anno 2167, cioè successivamente all’anno dell’invasione (2015), quindi in realtà, rispetto alla linea temporale resettata, quando sono sono tutti felici nel parco, Walter si trova a più di cento anni nel futuro (ecco perché non si rivedranno più). La cosa che mi chiedo invece, a patto che abbia capito bene, è da chi riceve la lettera col tulipano Peter, se suo padre è nel futuro!

    • FF

      La lettera l’aveva mandata prima dell’invasione, solo che a causa di questo fatto molto probabilmente non è riuscita ad arrivare a destinazione.
      Nel finale, senza interferenza degli observer dal futuro, la lettera ha potuto concludere il suo percorso arrivando nelle mani di Peter. Una domanda di cui mi urge risposta è (ora non so se di una stupidità colossale) ma Walter nel 2015 cessa di esistere? o non è mai esistito?

      • FF

        cancella l’ultima domanda… mi sono confuso!

        • Raffo

          nella stessa linea temporale esiste nel futuro, non ho ben presente come possa avvenire ciò. Il fatto che lui al momento non esista ma in un futuro esisterà implica il fatto che dovrà nascere in futuro quindi da famiglia diversa o cmq in uno spazio tempo alterato, vivrà la vita in modo diverso da quello che teoricamente l’ha già vissuta.
          E non può neanche essere che lui si ritrovi nel futuro già adulto, altrimenti sarebbe un paradosso la sua esistenza, per spiegarmi non puoi ritrovarti adulto e non sapere da dove vieni, e perché non può saperlo? xkè semplicemente lui è non mai esistito nel passato essendo stato cancellato dal corso della natura. Ma Fringe è già di per se un grosso paradosso e non si possono trovare risposte senza porsi altre molteplici domande.

          A mio avviso è un piccolo capolavoro che fa viaggiare chi ne ha voglia con la testa, senza però porti troppe domande, è un piccolo tesoro che scopri e te lo godi, nulla di più, non c’è da farsi domande sui se e sui ma.

  • marco

    se gli osservatori non sono mai esistiti, allora september non ha mai distratto walternative nel laboratorio mentre cercava la cura per peter, quindi l’ha trovata e peter è guarito, quindi il nostro walter non ha mai dovuto attraversare, quindi peter è rimasto e cresciuto di là, e quindi non ha mai conosciuto la nostra olivia, e quindi la scena finale nel parco è impossibile

    • Giacomo

      questo credo che in parte voglia essere risolto quando dice che diviene un paradosso e la Natura porta a sbarazzarsene, quindi in realtà è come se fino al 2015 tutto si proceduto come sappiamo, poi da lì avviene la netta eliminazione di walter e degli osservatori, e da quel momento la storia cambia, lo so non torna molto, ma almeno prova a darti una ragione, che non regge, ma appreziamo il tentavo! quello che non ha senso, nel modo di sconfiggere gli osservatori, sono altre cose:1 se gli osservatori sono arrivati nel 2015, a rigor di logica quando loro vanno nel 2167, li dovrebbero trovare lì ad aspettarli, almeno che non si spostino su una linea temporale parallela, stile ritorno al futuro, ma in questo caso, ciò non cambierebbe la vecchia linea temporale, 2,probabilmnte se così fosse gli osservatori proteggeranno con cura il loro creatore, al fine di evitare di cessare di esistere proprio a causa della loro invasione, fattore che credo abbiano calcolato nella decisione di intraprendere l’invasione nel 2015, prma ancora di essere creati ( rischiosa e senza senso come scelta… ma d’altra parte i protagonisti mica potevano stare ambrati più di 100 anni!) 3, visto che gli osservatori, che tali non sono, sanno tutto, cosa impediva loro di andare nel 2015 da uno scienziato consegnar lui le conoscenze per essere creati così da assicurarsi immediatamente l’esistenza? Il continuum spazio-tempo?(ormai irrimediabilmente stravolte innumerevoli volte?) 4, ma allora non era più semplice uccidere l’avo di quella scienzita, o intrappolarlo o cmq cambiargli la vita, in modo da non far scoprire gli osservatori…( almeno che non lo facesse qualcun’altro in un altro tempo ma nello stesso modo….)

    • Stefano Fiore

      la scena finale è una nuova linea temporale, ciò che dici tu (osservatori esistiti, september distrae walter ecc) è in un’altra linea temporale ed è accaduto

    • Peter era stato cancellato da tutte le linee temporali, era presente solo perchè l’amore dei suoi cari lo aveva riportato “in vita”, quindi nella linea temporale dove lui ha avuto una figlia con Olivia anche senza gli osservatori lui esiste perchè è stato riportato dall’AMMMMORE!!!

  • Pingback: “Sleepy Hollow”: benvenuto, franchise! | CarnageNews()

  • Simone Mancini

    Per le timeline non capisco tutti questi dubbi. Le vostre stesse domande le pongono nella serie, e Walter e Settembre vi rispondono alla grande! Essendo già esistiti passato, presente e futuro (si conosce il futuro perchè gli osservatori provengono da lì, di conseguenza si sa che in futuro, ci sarà un futuro, scusate il gioco di parole), la natura non può ELIMINARE del tutto una cosa che è già esistita, ma può SOLO SOVRASCRIVERLA nel caso di un paradosso TROPPO paradossale! In pratica il futuro di peter, olivia e etta (e il resto del mondo) viene SOVRASCRITTO SOLO dal primo momento in cui gli invasori non sono nel loro presente soltanto per osservare, ma bensì per conquistare in quanto fin quando gli osservatori si sono limitati appunto a osservare, la Natura non ha percepito un netto cambiamento! E questo doveva essere chiaro già dal primo vero evento inspiegabile e cioè la scomparsa di peter. La Natura “nota” il netto cambiamento nel passo dimensionale di walter e nel salvataggio di peter da parte di settembre nel lago Raiden e cerca di sovrascrivere questo paradosso appena può: quando peter salva entrambi gli universi. Infatti lo stesso peter scompare in quel momento ma siccome la sua esistenza NON è stata CANCELLATA, ma solo SOVRASCRITTA si spiega come olivia più di tutti (probabilmente oltre grazie all’amore, anche al cortaxiphan) riesce man mano a ricordare peter, cancellando la sovrascrittura della natura o se preferite risovrascrivendola! Detto in parole povere, la natura ha il suo corso, e cerca di correggere sovrascrivendo evento SOLO nel caso di gravi eventi o che comunque cambierebbero troppo il futuro che è già esistito per quel presente. Ovviamente incongruenze ci sono, i glifi non so ancora cosa vogliano dire, ma secondo me gli spostamenti interdimensionale e le timeline non sono così difficili. Se la pensaste così, il cambiameto del futuro porterebbe a un vero e proprio annullamento del passato, invece non è così perchè il cambiamento degli eventi come la decisione di peter e walter nel futuro cambiano SOLO dal momento in cui la natura avverte l’eccessivo stravolgimento delle cose.

  • Wizzio

    mi sono perso alcuni episodi, mi spiegate il significato del tulipano nella lettera ?

  • marcomm

    L’idea ke mi sono fatto é stata sviluppata da vari punti interrogativi. Nel finale della quarta stagione september viene bloccato dalle l’un di stasi. Come faceva William Bell a conoscerle. Ed é sempre lui che tende l’imboscata al team fringe nell’ultima stagione prima di ambrarsi. Inoltre dove finisce quando non riesce a disfare i due mondi nella penultima stagione??” Dunque a mio parere é lui tramite la massive dinamic a progettare september e gli undici primi osservatori fino a quando september e agoust si ribellano. Il suo obbiettivo coai come nella terza e quarta anche nella quinta é il medesimo: Controllare l’umanità come unico Dio. Progetta gli osservatori viaggiando nel tempo che hanno il compito di annientare l’umanità. Non ci riesce nella quarta e prosegue nella quinta… Ho pensato a varie conclusioni ma quest’ultima sembra far tornare tutti i pezzi al lro posto…

    • Isaac

      William Bell non esiste nel 2167, quando vennero creati per la prima volta gli osservatori (che successivamente lo scienziato presse la decisione di inviarne 12 ad osservare […] )lui era gia morto.

      Devi considerare il fatto che esistono diversi universi..

      -Universo 1 Lo scienziato Walter trova la cura e salva Petter (quindi niente intervento da parte degli osservatori) vivono la loro vita muoiono felici e contenti.. nel 2167 scienziato crea gli osservatori.

      -Universo 2 Lo scienziato Walter perde suo figlio recupera il figlio di Walternativo creano dei danni tra i mondi paralleli (quindi avviene ciò che abbiamo visto nel film.. cioè che Petter trova un modo per unire i 2 mondi paralleli). Tutto questo creato dall’osservatore September ti chiederai il “per quale motivo?” perchè creando l’unione tra i due mondi paralleli, possiamo evitare la distruzione del pianeta da parte di William Bell e allo stesso tempo la scomparsa di Petter “Cura” il paradosso creato inizialmente da September.

      William Bell non è morto si è solo nascosto..

      Petter era SCOMPARSO (non è morto come molti credono, anche i protagonisti del film credevano che fosse morto) quando era caduto al lago, lui era SCOMPARSO e ricompare (come dice September,è una cosa inspiegabile, è grazie all’amore che provano i suoi cari a riportarlo in vita).

      Così la linea si sovrascrive, come un registrato a nastro.. se registri sopra le cose sotto ci sono ancora.. e solo Olivia poter vederle per via del Cortexiphan.

      A questo punto diciamo poteva anche finire il film.. tutti avrebbero avuto una vita normale fino alla loro morte.

      Succede un’altro imprevisto

      -Universo 3 Arrivano nel 2015 (data con maggior possibilità di poter colonizzare il pianeta) gli osservatori, quindi si crea un’altro paradosso, qualcosa che non dovevano causare quelli del futuro nel passato come ha fatto September con Walter e Petter..

      se tutto procedeva senza nessun intervento da Walter il pianeta veniva colonizzato dagli osservatori.

      A questo punto Walter decide di correggere questo errore andando nel futuro portando con se il bambino osservatore e come era successo a Petter poi scomparve..

      -Universo 4 Viene quindi riscritto il 2015 per via di Walter che ha corretto il secondo paradosso creato dalla invasione degli osservatori.

      La tua domanda è molto intelligente

      La MIA spiegazione di come Bell scopri la tecnologia avanzata delle pistole e come bloccare September è molto complicata..

      Allora September nel momento in cui viene colpito, guarda nel futuro e vede i diversi futuri possibili, quindi capisce che la scelta migliore è tornare indietro prima di essere sparato (per lui tornare indietro o andare avanti nel tempo è sempre un presente) e quindi comunica a Bell delle informazioni preziose per far sviluppare i poteri di Olivia in modo da seguire un percorso esatto che ha deciso September..

      Per questo lui dice ad Olivia che in tutti i futuri lei muore, perchè September ne aveva già guardati diversi..

      E quando Olivia dice a lui “che cosa intendevi che sarei morta?” comunica a September un’evento del suo di futuro.

      Ognuno di noi ha metodi diversi di comprendere, questo dipende dal nostro stile di vita.

      Spero di essermi spiegato bene. 🙂

      Saluti

      • marcomm

        Scusa ma questa potrebbe essere una spiegazione ma non é la spiegazione a mio parere per varie ragioni… La serie é stata scritta e riscritta poiché a inizio stagione nn potevano prevenire ke fosse finita alla quinta. Troppe cose nn tornano… Prima stagione Walter dal Saint Claire vede chiaramente che un altro Walter lo va a trovare… All’inizio come molti ho pensato che fosse walternative ma ciò nn era possibile in quanto lalterego solo dopo scopre come varcare la soglia… Dunque da esperto Dell serie ti pongo la domanda. La famosa macchina sposta la coscenza delle persone in avanti nel futuro ( vedi Peter) e viene ADATTATA a Peter. Inoltre é un progetto di Bell. Chi ci dice che nn venga anche usata da qualcun altro oltre a Peter. Io penso dallo stesso Walter… A tal prposito ti rimando all’ultima puntata Della quarta stagione, verso il finale Bell dice HO VISTO LA STORIA RIPETERSI TROPPE VOLTE PER…ecc ecc. Poi troppe cose non tornano con Peter… Piu volte ci sono allusioni su esperimenti condotti da Walter. Anke la storia ke lui copia la cura da x scontato che si tratti della stessa malattia e gli fa ingerire qualcosa( ok forse qsta é troppo forzata)… Ho sentito il parere anche di una ragaza la quale credo sia l’unica ad avere fatto veramente centro ovvero che le ultime stagioni vanno interpretate come l’inizio e le prime due come il finale( a parte la scena di Peter co Olivia e la figlia)… Anche lo stesso tulipano bianco nel finale ci imanda alla seconda o terza stagione dove Walter parla con lo scenziato che vuole tornare indietr nel tempo e guarda caso é proprio Walter a spiegargli come deve fare! Ogni risposta ci porta a nuove domande. E noi siamo uno degli infiniti futuri ? quello che so x certo é che mi manca tantissimo fringe e che x me rimane un capolavoro a distanza di oltre 40 anni da dopo star trek? ciao