rubriche: La Pornoguida di Bill Linds

Heather Brooke. Homemade Porn d’autore.

Primo numero de “La Pornoguida di Bill Linds” dedicato alla regina del deepthroat.

PORN ALERT!

Classe 1980, alta, bionda e californiana, Heather Brooke è sicuramente un personaggio chiave per la comprensione del panorama pornografico agli albori del Web.
Adoperando le propria abilità “oratorie” quale marchio di fabbrica principale, l’attrice è diventata un’icona grazie alla diffusione di alcuni filmati amatoriali – girati tra il 2000 e il 2005 – assieme al marito Jim Harmon. Il nome del loro sito, ideepthroat.com – inattivo da una decina di anni – la dice lunga sulla caratura di tali abilità e rinvia, più o meno consapevolmente, a quello che è considerato il punto di avvio istituzionale della storia del cinema pornografico, Gola Profonda (Deep Throat, G. Damiano, 1972).
Ma non si tratta solo di fellatio. Il range di Heather si amplia in modo consistente mano a mano che le esperienze con il marito aumentano di volume. Si passa dall’anal, al leggero bondage, dal facial al titjob, quasi in una costante esperienza di sesso coniugale registrata e diffusa ogni qualvolta lo si desidera.
È in realtà la posizione della camera a rimanere invariata e riconosceremo il buon Jim – operatore in ogni singolo video – solamente dalla vita in giù. Non è dunque il deepthroat la costante stilistica del brand, ma la ripresa in soggettiva (il POV) o una sorta di semi-soggettiva (dovuta evidentemente a ragioni di praticità) dell’attore-cameraman. Lasciando da parte le chiare strategie enunciative della scelta, ci preme evidenziare la peculiarità del pubblico di riferimento. È interessante, a questo proposito, notare che il marito rimane il solo a beneficiare delle abilità della moglie, mentre quest’ultima non disdegna di concedere lui qualche threesome con le amiche, insegnando loro le tecniche migliori per il sesso orale. Ma c’è altro. È addirittura Heather quella che, all’occorrenza, si fa da parte, e lascia a Jim carta bianca sulle possibilità di fornicare con la migliore amica di lei.
Heather Brooke gioca dunque la propria carta principale costruendo su di sé l’immagine di donna dei sogni che ricava piacere nel soddisfare le fantasie recondite del proprio compagno, quelle che si vedono solo nei film porno e che le mogli e le fidanzate di solito “non fanno”. Ed ecco che spesso ritroviamo l’attrice inscenare parti tratte da repertori classici: la vediamo nelle vesti di schoolgirl, di autostoppista, di cowgirl e quant’altro.
Ma è il video denominato ufficiosamente First ass fucka rappresentare – a nostro parere – il prodotto più riuscito dell’opera di Heather. Si tratta, com’è ovvio, di una scena anale, ma con qualcosa in più: l’orgasmo femminile. È abbastanza curioso, difatti, notare come il termine del climax iniziale non venga rappresentato dal money shot (l’eiaculazione) ma appunto dall’orgasmo di lei. Una volta raggiunto, si può riazzerare il tutto e procedere, come di consueto, con una scena orale. Se tale orgasmo sia reale o meno, non è dato sapere, e in fondo non è nemmeno interessante. Tuttavia il video funziona proprio per l’immagine ricercata dal brand: quella di una compagna non solo disposta a praticare sesso anale, ma che prova piacere nel praticarlo.
Una strategia vincente, a quanto pare, visto il net worth che si aggira sui due milioni di dollari. A ragion del vero, chi meglio di Heather ha saputo sfruttare le potenzialità di un Web ancora acerbo per la creazione di un marchio all’interno del variegato mondo del porno amatoriale?
Homemade porn d’autore? Forse. Ma soprattutto la fantasia di avere una moglie pornostar.
(Per chi ha fretta, qui una valida summa delle performance)

William Linds

Carnagenews_HeatherBrooke4      Carnagenews_Heatherbrooke2