rubriche: EPistole

Phil Moffa – Mass Action (BleeD, 2017)

Con l’EP Mass Action, Phil Moffa può continuare a vantare la bravura nel sapersi muovere dentro pochi elementi, essenziali, ma che sono sempre in continua trasformazione.

Phil Moffa - Carnage NewsPhil Moffa si è sempre saputo muovere nel mondo della techno, utilizzando il suo linguaggio essenziale in grado di modellarsi a seconda delle composizioni e dei contesti. Si veda per esempio la recente collaborazione con il ribelle Dj Spider (l’etichetta in questione è la BleeD, appunto). Insieme sono riusciti a creare una techno ipnotica, fatta di rumori di fondo, distorsioni e modulazioni continue. Lo stampo è quello e con l’EP Mass Action, Phil Moffa può continuare a vantare la bravura nel sapersi muovere dentro pochi elementi, essenziali, ma che sono sempre in continua trasformazione.

Con la prima traccia Psychohistory, il nostro getta subito le basi per presentare il lavoro con droni ipnotici, ritmi ossessivi che sono la firma di Moffa. Il lato più delicato del pezzo si mostra con Dodecahedron, ricco d’atmosfera, con scansioni ritmiche calde di pad e rim shot sempre in continua ascesa. Il lato b che ha la traccia Decimation ( e il suo remix di Volte-Face, violento, lisergico), la traccia che più si dedica al sound design con florilegio di dinamiche raffinate ed altamente eteree.

Moffa continua la sua ricerca tra techno, industrial e le nuove frontiere dei crossover, senza mai perdere lo smalto, lasciando sempre il segno.

Riccardo Gorone