news

Dialoghi sull’uomo: “La cultura ci rende umani” è il tema dell’edizione 2017

Nell’anno di Pistoia capitale italiana della cultura, il festival diretto da Giulia Cogoli esplorerà uno punti cruciali degli studi antropologici

Il festival di antropologia del contemporaneo Pistoia – Dialoghi sull’uomo, che nel 2016 ha registrato circa 20.000 presenze, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e dal Comune di Pistoia, ideato e diretto da Giulia Cogoli, sceglie come tema per il 2017 “La cultura ci rende umani. Movimenti, diversità e scambi”. La tematica proposta richiama la nomina per il 2017 di Pistoia capitale italiana della cultura, una responsabilità che il festival affronterà con un ricco programma nella sua ottava edizione dal 26 al 28 maggio 2017.

«Il tema scelto quest’anno si può considerare il punto di partenza degli studi antropologici, – spiega Giulia Cogoli – la declinazione plurale del concetto di “cultura” rappresenta infatti non solo la principale acquisizione teorica dell’antropologia culturale, ma anche una delle grandi rivoluzioni conoscitive del Novecento. Oggi lo snodo cultura/culture è più che mai importante perché ben al di là dell’antropologia, nella letteratura, nella filosofia, nella scienza, nella musica, nella storia hanno “fatto irruzione” autori provenienti da quelle “culture” che un tempo erano oggetto di studio. Pensiamo all’importanza della letteratura post-coloniale o alla centralità dei dibattiti sul multiculturalismo e sul meticciato culturale. Ma allo stesso tempo è estremamente importante per i destini dell’Unione europea come si possa tenere insieme una visione unitaria della cultura europea (con le sue specificità, tradizioni, valori) con le culture nazionali o con quelle dei migranti di cui è e sarà composta.»

Sul tema dell’edizione 2017 è stata istituita dalla Fondazione CRPT una Borsa di ricerca under 35 per il miglior saggio scientifico. L’elaborato dovrà rispondere alla domanda: quali sono, nella contemporaneità, gli esiti delle molteplici collisioni, convergenze, confluenze tra le culture (intese in senso antropologico) e la cultura (intesa in senso classico) che ci circonda?

I brevi saggi (inediti, di max 15.000 battute bibliografia inclusa), devono essere inviati entro il 30 marzo 2017 a direzione@dialoghisulluomo.it.

La giuria che selezionerà il vincitore è composta dagli antropologi: Marco Aime dell’Università di Genova, Adriano Favole dell’Università di Torino; Emanuela Rossi dell’Università di Firenze; Stefano Allovio dell’Università Statale di Milano; Luca Iozzelli, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, e dalla direttrice dei Dialoghi Giulia Cogoli.

Il vincitore, che riceverà una borsa di studio di 1.000 €, sarà anche ospite del festival e il suo saggio sarà pubblicato nella collana “Dialoghi sull’uomo” edita da Utet.

Come di consueto il tema del festival sarà introdotto alle scuole di Pistoia e provincia con un ciclo di incontri (sono 10.000 i ragazzi che sino ad oggi hanno partecipato). La prima lezione in programma giovedì 1 dicembre alle ore 11 al Teatro Manzoni sarà “Cultura o culture?” di Marco Aime.